Transfer aeroporto
Hotel
  1. Fecha de llegada
  2. Fecha de salida
Alquiler de coches
Voli economici

Storia di Marrakech

La storia di Marrakech ebbe inizio con la sua fondazione nel 1062, l’anno in cui Yūsuf ibn Tāshfīn installò, in tale zona, la sede della dinastia degli Almoravidi. Si insediarono varie scuole religiose islamiche, che propagandavano la propria fede, riuscendo a conquistare l’intero territorio. Yūsuf ibn Tāshfīn è considerato il padre del Marocco.

Storia di Marrakech, la sua vita
Scene di vita quotidiana a Marrakech

Palazzo Bahia
Cortile d'Onore del Palazzo Bahia

Tombe Sadiane
Tombe Sadiane

L'Alto Atlante visto da Marrakech
L'Alto Atlante visto da Marrakech

Il califfo almoravide 'Abd al-Mu'min​ ordinò la costruzione di due moschee, di cui la più famosa è quella della Koutoubia, ispirata all’arte dell’Al-Andalus.

Sconfitti gli almoravidi, si stanziò la dinastia degli Almohadi, gli "unificatori" dell’Islam, che negavano l’intercessione dei marabutti con Dio. Il governo almohade apportò grande splendore a Marrakech, come dimostrano le numerose costruzioni dell'epoca, fra cui la maestosa fortezza con la moschea di Qasba.

Nel 1230, al-Maymun, della dinastia dei Merinidi​, con l’aiuto di Fernando II conquistò Marrakech. Poco dopo, suo fratello Abu Yusuf sconfisse gli Almohadi e fu così che i Merinidi governarono Marrakech per ben due secoli. Con quest'ultima dinastia, la città fu abbandonata a sè stessa; non si possono, pertanto, rilevare avvenimenti importanti per Marrakech durante il governo dei Merinidi.

Alla dinastia dei Merinidi seguì quella dei Wattasi e, in seguito, il potere passò nelle mani dei Califfi.

I Califfi sono dei discendenti di Mahoma, seguendo la linea genealogica della figlia Fatima, sposata con Ali. Da Ali ebbe origine il nome di Alawide, la dinastia dell’attuale re del Marocco. Da ciò deriva la denominazione di "regno alawide", precedentemente chiamato "impero del califfo".

I Califfi raggiunsero il potere nel XVI secolo. È di quest’epoca la costruzione del Bab Dukkala, del Muassin, della Saïd Al-Jazouli, della madrasa di Ben Youssef (del 1570) e del mausoleo di Ahmad I al-Mansur e della sua famiglia.

Marrakech fu coinvolta in tutte le vicende storiche più importante del Marocco. Fu occupata dai portoghesi, dagli spagnoli e dai francesi, in alcuni casi per sconfiggere i corsari e osteggiare l'avanzata dei pirati ma, soprattutto, per il controllo delle sue ricchezze naturali e della sua privilegiata posizione di porta dell’Africa.

Marrakech visse una storia convulsa fino al 1956, l’anno dell’Indipendenza del Marocco, a cui seguirono pochi momenti di pace, offerti dal placarsi delle ambizioni espansionistiche dei paesi europei, che si neutralizzarono fra di loro.

Nel 1911, la capitale del Marocco divenne Rabat e Marrakech passò in secondo piano. Oggi è una città che vive soprattutto di turismo e della coltivazione ed esportazione in Europa di prodotti agricoli. È il centro commerciale della sua regione e la base logistica per il trasporto della produzione dei minerali estratti dall’Atlante.